Lettera al S.I.H.e.N.

una legge per le discipline bio-naturali

Buon giorno, questa lettera inviatavi anche tramite posta certificata, attende una vostra risposta pubblica e si trova già online !

Mi presento, sono il Dott. Emanuel Celano, promotore della proposta di Legge Popolare per  il riconoscimento delle Discipline Bio-Naturali e della Naturopatia in Italia.

Attualmente in Italia non è ancora giuridicamente riconosciuta la figura professionale del Naturopata e dell’operatore delle Discipline Bio-Naturali. Esistono solo delle leggi regionali. Per questi motivi abbiamo deciso di creare un sito e raccogliere le 50.000 firme necessarie per presentare una proposta di Legge di iniziativa popolare.

Ad oggi hanno già firmato oltre 23.000 persone  http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it

La parte innovativa di questo progetto è costituita dalla modalità di creazione della legge stessa. Tutti possono contribuire alla sua stesura partendo da un testo iniziale. Abbiamo creato, a tal proposito, una sezione aggiornabile per ricevere i commenti ed i testi degli utenti che vorranno partecipare.

Inoltre, viene dato un ruolo di primo piano alla Commissione Pilota sulle Discipline Bio-Naturali, prima che venga istituita una Commissione Permanente sulle DBN, ruolo non previsto da tutte le proposte di legge giunte fino ad ora in parlamento. Solo una Commissione Pilota, i cui rappresentanti provengono dalle realtà italiane nelle quali vengono promosse ogni giorno, la conoscenza, l’apprendimento e la sperimentazione delle discipline Bio-naturali  è, a nostro parere, in grado di aiutare la comunità scientifica ad individuare le discipline Bio-naturali da riconoscere e definire i profili e le competenze degli operatori olistici e dei futuri naturopati.

Si aggiunga una nota fondamentale che differenzia ulteriormente questo Progetto,  data dal fatto che desideriamo creare un TERZO POLO oltre a quelli già esistenti (sanitario ed estetico) !  Un terreno nuovo che ci permetterebbe, con il vostro aiuto, di creare sinergie e collaborazioni come mai si era riusciti prima !

Vi chiediamo di valutare quanto andrete a leggere con neutralità, fuori dagli schemi di rivalità e concorrenza tra Scuole di Naturopatia e Centri Olistici. Non vogliamo decretare chi sia il migliore, ma al contrario, desideriamo creare una realtà migliore !

IN SINTESI, UNA PROPOSTA DI LEGGE CHE :

  • E’ di iniziativa Popolare.
  • E’ Apartitica.
  • Offra a tutti la possibilità di contribuire alla stesura del testo.
  • Non escluda a priori una disciplina rispetto ad un’altra.
  • Preveda la creazione di un terzo polo, oltre a quello sanitario e a quello estetico, valorizzando l’operatore delle discipline bio-naturali a prescindere dalla sua appartenenza alla classe medica.
  • Consideri l’uomo e la donna nella loro completa espressione : fisica, mentale e spirituale.
  • Definisca percorsi formativi comuni che possano offrire all’operatore delle discipline bio-naturali una valida preparazione in ambiti di competenza chiari e ben definiti.
  • Non si ponga contro la Medicina Ufficiale, non quindi uno spirito di offesa bensì di valorizzazione di tutti i percorsi, dove le conoscenze di cura coesistono, sostenendo la libertà di scelta terapeutica.

 

LEGGE SULLE PROFESSIONI NON REGOLAMENTATE : SI APRONO NUOVI SCENARI ?

La Legge numero  4 del  14 Gennaio di quest’anno  sulle professioni non regolamentate definisce nuovi scenari per il Naturopata e per l’Operatore delle Discipline Bio-Naturali, proponendo tuttavia, a nostro parere, un riconoscimento che non può considerarsi tale.

Vi invitiamo a leggere con cura l’articolo pubblicato a questa pagina per comprendere gli 8 punti di debolezza che abbiamo evidenziato a tal proposito : http://unaleggeperledisciplinebionaturali.it/notizie/siamo-sicuri-che-la-nuova-legge-sulle-professioni-non-regolamentate-sia-un-vero-traguardo-per-la-naturopatia-in-italia-noi-crediamo-di-no/ ( titolo dell’articolo : “Siamo sicuri che la Nuova Legge sulle Professioni Non Regolamentate sia un vero traguardo per la Naturopatia in Italia ? Noi crediamo di no !” ).

 

… ed ora possiamo conoscere LA VOSTRA POSIZIONE ?

Questa lettera è stata inviata a voi e tutte le Scuola di Naturopatia e Centri Olistici In Italia e si trova pubblicata nella sezione LETTERE APERTE con la vostra intestazione,  alla pagina web : http://unaleggeperledisciplinebionaturali.it/notizie/category/archivi/lettere-aperte-alle-scuola-di-naturopatia/

Rimaniamo in attesa della vostra gradita risposta che pubblicheremo online, con grande gioia, sul nostro sito e senza censura ! Ogni commento costruttivo sarà molto apprezzato !

Esistono già diverse sedi in Italia di raccolta firme che hanno aderito a questa iniziativa e potete trovare i loro nominativi qui : http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it/sedi_firme.php

Sarebbe fantastico se voleste aderire al Progetto anche voi !

GRAZIE ! GRAZIE ! GRAZIE !

Una Legge Nuova per un Mondo Nuovo !

Luce al Cammino e pace nel cuore di tutti noi nella volontà di ritrovarci insieme,

Emmanuel Celano

http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it

 

una legge per le discipline bio-naturali

Posted in Lettere Aperte alle Scuole di Naturopatia, alle Strutture, Organizzazioni, Sindacati, Associazioni, Federazioni, Portali web e Centri Olistici | 2 Comments

Potete Commentare Utilizzando il Sito oppure GooglePlus facendo click sull'icona in rosso qui sotto oppure con Facebook

2 Responses to Lettera al S.I.H.e.N.

  1. Questa volta sono proprio d’accordo con lei. La legge nr. 4 del 14 gennaio 2013 non è adatta alla naturopatia e neanche, secondo me, a tutte quelle discipline che ruotano intorno al concetto di salute, intesa, come sappiamo, secondo la definizione dell’OMS.
    Sulla terza via che lei propone, che poi è quella delle DBN, credo che la mia posizione sia nota. Il SIHeN ha sempre creduto che la Naturopatia sia una professione sanitaria ed in questa direzione va anche l’ultimo ddl che abbiamo ispirato, il 2152, a firma Sen. Bianco. Questa via continuiamo a perseguire, affiancandoci a chi è contrario alla nr.4 come la FNOMCeO, il Ministero della Salute e altre associazioni di professionisti parasanitari.
    In ogni caso, essendo io stata l’ispiratrice della legge regionale lombarda sulle DBN, i cui decreti attuativi sono finalmente stati emanati quest’estate, devo ammettere che un qualche risultato quella legge l’ha ottenuto e mi riferisco alla fissazione di un monteore minimo per naturopatia di 900 ore strutturate. Come tutti sanno, senza regolamentazione alcuna, esistono troppe scuole e scuolette che a suon di moduli, nemmeno arrivano alle 300 ore e quel naturopata, permanendo la mancanza di una normativa, per l’ignaro cliente vale quanto quello che ha fatto una scuola da 1500 ore, equivalente ad una laurea triennale.
    Sul business delle certificazioni e sul loro valore taccio.Spero che molti rispondano in maniera circostanziata, invece di continuare a pensare soltanto al proprio orticello. Per anni ho cercato di unificare il mondo della Naturopatia senza successo. Ormai vado avanti per la mia strada, ma non riesco a non rispondere quando qualcuno ci prova di nuovo. 🙂

  2. emanuelcelano says:

    Gentile Dott.ssa Termali, la ringrazio molto della sua risposta.
    La sua ultima frase mi tocca il cuore ! grazie !

    E’ la prima risposta che riceviamo da un sindacato, in forma ufficiale, dopo l’invio delle lettere aperte.
    In un mondo dove non si conosce più l’educazione, anche una semplice risposta è diventata oramai una rarità e se è costruttiva come la sua, una vera benedizione !

    Facciamo tesoro delle sue considerazione e abbiamo subito adeguato il monte ore minimo come da lei indicato nell’articolo 7 della nostra proposta di legge al punto c) :
    http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it/legge/articolo07

    Ci auguriamo si aggiungano ora altre risposte, con l’obiettivo di sederci tutti insieme intorno ad un tavolo per il bene comune. Le porgo la mia mano con gratitudine.

    Luce al Cammino,
    Emanuel Celano

Lascia un Commento

Loading Facebook Comments ...