IN EUROPA OGGI SI PARLA DI CAM medicina complementare e alternativa

una legge per le discipline bio-naturali

IN  EUROPA OGGI SI PARLA DI CAM
(CAM = medicina complementare e alternativa)

Che cosa è CAM – medicina complementare e alternativa ?
CAM comprende un gran numero di diverse terapie, di metodi e di teorie.
Dalla modifica dello stile di vita, al cambiamento di dieta, dai trattamenti sul corpo agli approcci di psicologia della salute, dall’uso di prodotti di origine naturale ai medicinali a basso rischio … tutto questo ed altro ancora è CAM.
CAM (medicina complementare e alternativa ) è utilizzato da molti cittadini di tutta Europa come un complemento al trattamento convenzionale o come metodologia a sé stante.
Terapie CAM sono: agopuntura, medicina antroposofica, aromaterapia, ayurveda, chiropratica, fitoterapia, omeopatia, kinesiologia, massaggi, naturopatia, osteopatia, riflessologia, medicina tibetana e medicina tradizionale cinese, shiatsu, yoga, reiki … tra gli altri.
Queste terapie utilizzano conoscenze, abilità e pratiche basate su teorie ed esperienze che sono state sviluppate in Europa, come l’omeopatia o la medicina antroposofica oppure appartengono ad altre culture. Al di fuori della loro cultura indigena e prese tutte insieme con i loro omologhi europei sono normalmente definibili in Europa come “medicina complementare e alternativa” (CAM).
Un rimedio sempre più popolare per i cittadini europei …
Gli operatori sanitari compresi i medici che praticano la CAM si aggiungono ad un organismo già esistente di praticanti CAM in molti altri paesi.
CAM in Europa
Pochi paesi europei hanno politiche nazionali per la CAM. Diversi da quelli per i medicinali a base di erbe e omeopatici non ci sono regole europee in materia CAM. Variazioni nelle definizioni e categorizzazioni di terapie CAM rendono un regolamento una sfida, così come la scarsa conoscenza tra i responsabili politici del contributo potenziale delle CAM all’assistenza sanitaria.
Ci sono differenze sostanziali nel modo in cui è riconosciuta la CAM, praticata e regolamentata negli Stati membri dell’UE, con differenze ancora una volta tra le terapie CAM.
Una qualche forma di regolamentazione esiste in 18 dei 29 paesi UE e SEE, anche se ci sono notevoli differenze. EUROCAM e soprattutto la CAM medici associazione CAMDOC nonché l’organizzazione EFCAM praticanti stanno lavorando per promuovere la necessità di una norma di legge di tutti coloro che operano nel settore CAM nonché per la disponibilità di tutti i prodotti medicinali CAM.
CAM ha cominciato a ricevere una maggiore attenzione da parte della Commissione europea negli ultimi anni, con un finanziamento assegnato per la ricerca e più attività all’interno delle istituzioni tra cui un gruppo informale di interesse CAM all’interno del Parlamento europeo.
La Commissione europea ha avviato un dialogo regolare con le parti CAM e alcuni prodotti sono coperti dalla legislazione in vigore sia nei farmaci e nel campo alimentare. L’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha anche avviato le attività nel campo della CAM.

Conferenza CAM al Parlamento UE

Il 9 ottobre 2012 i membri del Parlamento europeo, gli operatori sanitari, pazienti e responsabili politici si sono riuniti in seno al Parlamento europeo per ascoltare e discutere le presentazioni sul valore aggiunto innovativo della medicina complementare e alternativa (CAM) per il settore sanitario europeo.
La conferenza è stata organizzata dalla EUROCAM cooperativa, che rappresenta diverse organizzazioni europee e internazionali per la medicina complementare e alternativa,
La voce unanime dell’Assemblea ha dichiarato che il potenziale della Medicina Complementare ed Alternativa (CAM) per mantenere la salute, prevenire le malattie e promuovere stili di vita più sani, contribuendo alla sostenibilità dei sistemi sanitari, non dovrebbe essere ignorato dall’Unione europea in un momento in cui la Sanità di ogni paese è sotto pressione tanto da fattori economiche quanto demografici.
E’ emerso che in tutta Europa, almeno il 25% della popolazione usa la Medicina Complementare ed Alternativa (CAM), attualmente in gran parte pagando di tasca propria.
Eppure, nonostante l’utilizzo quotidiano da parte dei cittadini europei la CAM non ha ricevuto una vera e propria considerazione da parte delle istituzioni europee, nonostante un invito in tal senso da parte del Parlamento europeo già nel 1997.
Durante l’evento è stato riconosciuto che L’UE si trova ad affrontare una grave crisi economica che mette i sistemi sanitari degli Stati membri a forte rischio ed impone loro di riformare radicalmente la Sanità.
L’impatto dell’aumento della vita media, l’allarmante aumento delle malattie croniche, le spese sanitarie in crescita , il rischio di disuguaglianze di trattamenti e la carenza di forza lavoro nel settore sanitario sono tutti elementi che portano ad una sollecitazione di richieste di interventi comuni. 
I deputati interventi hanno dichiarato di credere nell’importanza di un partenariato per l’innovazione della CAM che sosterrà la riforma dei sistemi sanitari per concentrarsi principalmente sulla prevenzione e integrazione nelle cure convenzionali in un modo tale da avere benefici immediati nei sistemi sanitari nazionali e per le persone in tutta Europa. La medicina complementare e alternativa può contribuire a promuovere un sano stile di vita più attento all’ambiente, con benefici significativi per la salute personale e sociale.
La Medicina alternativa e complementare ha la capacità di modificare il trattamento medico tradizionale, con l’adozione di una visione più globale sulla malattia e sulle sue conseguenze. 
La ricerca ha dimostrato che milioni di pazienti in europa fanno uso della CAM per diverse malattie. D’altra parte, vediamo come diverso è lo status giuridico di riconoscimento in ogni paese.
Non molto è stato fatto finora a livello di UE. e all’unanimità è stato chiesto un più elevato livello di attenzione in tal senso e un invito all’Azione della Commissione di avviare una nuova iniziativa, in collaborazione con le parti interessate, per le norme relative alla licenza e l’uso di CAM prodotti medicinali in Europa e, in particolare, ad osservare i suggerimenti indicati nella comunicazione della Commissione per il 2008, in particolare che “la idoneità di un quadro giuridico distinto per i prodotti relativi ad alcune tradizioni che dovrebbero essere valutati”.
Per me, questo è un elemento molto importante di vicinanza ai nostri cittadini, ha detto Alojz Peterle, Membro del Parlamento europeo e co-conduttore della manifestazione : “C’è una crescente domanda di terapie CAM in Europa. Noi, come i legislatori europei abbiamo bisogno per agevolare l’accessibilità sicura per queste terapie, di un quadro giuridico funzionante. La prossima strategia sanitaria dell’UE deve impostare un ruolo chiaro e maggiore per le terapie CAM in vista di una regolamentazione a livello europeo.
In tutta Europa ci sono almeno 300.000 praticanti CAM che si occupano di  agopuntura, aromaterapia, fitoterapia, omeopatia, kinesiologia, naturopatia, massaggi, riflessologia, shiatsu, reiki, TCM etc…
Essi offrono alla persona un nuovo approccio alla salute con particolare attenzione al sostegno della persona nel mantenimento della salute stessa.
Questo può essere svolto su una base autonoma e / o in modi complementari alla medicina convenzionale.
Attualmente CAM è fornita principalmente privatamente, ma in una numero crescente di casi in alcuni paesi, è già attuabile in collaborazione con il medico convenzionale. 
Fino all’80% dei cittadini degli Stati membri dell’Unione europea hanno utilizzato almeno una volta la medicina complementare e alternativa. E tuttavia, l’accesso alla CAM, con rare eccezioni è limitata a coloro che possono permettersi di pagare per questo.
Said Helle Johannessen, Professore di Studi Sociali di Salute e Medicina, Istituto di Sanità Pubblica, Facoltà di Scienze della Salute, Università della Danimarca meridionale ricorda a tutti i presenti che la Danimarca propone già un “Accesso equo alle cure sanitarie, comprese le CAM”, e che la sostenibilità dei servizi sanitari richiede uno spostamento verso la promozione della salute e la prevenzione delle malattie.
Andrew Long, professore di Health Research Systems, Università di Leeds, Regno Unito ha concluso la conferenza sottolineando come la CAM può essere inserita nei piani di Sanità per il programma di crescita e le priorità economiche e di innovazione dell’Unione europea.
Il potenziale di crescita del settore Medicine complementari e alternative, sia in termini di PIL, sia per il risparmio per l’assistenza sanitaria, senza considerare i cittadini più in salute, per la forza lavoro coinvolta, fanno delle CAM una risorsa enorme ancora non utilizzata
Fonte :
http://www.ivaa.eu/?p=164
Fonte :
http://www.unaleggeperlemedicinenonconvenzionali.it/

una legge per le discipline bio-naturali

Posted in Archivio Notizie 2013 | Leave a comment

Potete Commentare Utilizzando il Sito oppure GooglePlus facendo click sull'icona in rosso qui sotto oppure con Facebook

Lascia un Commento

Loading Facebook Comments ...