Per esercitare la professione di naturopata non è necessario seguire la norma UNI 11491 nata dalla legge 4/2013 sulle professioni non ordinistiche

Riferimento: Riporto interamente il testo inviato ad un utente di wikipedia in merito al lemma “NATUROPATIA” https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Naturopatia nel quale ho voluto precisare con la mia proposta di modifica (alla data attuale non accolta), che in Italia per esercitare la professione del naturopata non è necessario seguire la Norma UNI 11491 ( Legge 4/2013 ) come WIKIPEDIA lascia intendere.

Buona serata a tutti, sono Emanuel Celano, Psicologo e Informatic Organization Manager e vengo a voi per chiarire alcune cose.

Sono stato bannato dal sito wikipedia per un giorno, solo per aver fatto una precisazione importante, ma senza un motivo plausibile.

Non ho infatti offeso nessuno, al contrario, nelle mie proposte di modifica sono stato obiettivo ed imparziale.

Questa esclusione di un giorno (cartellino rosso arrivato per email)  la potrei interpretare come un abuso di potere ?

Potrei pensare che si sia trattato non solo di discriminazione nei confronti di chi non la pensa come i signori che mi hanno bannato ma che siano andati ben oltre ?

Essi hanno “discriminato” persino la legge italiana, interpretandola a favore di UNI prima e fornendo una versione non precisa e mancante dopo, ma in entrambi i casi senza fornire comunque ai  lettori una comunicazione corretta   (antecedente al mio intervento essi hanno scritto che “la Naturopatia in italia rientra nell’ambito della legge 4/2013 e si avvale di una norma Nazionale UNI che ne definisce ambiti e competenze” … frase che insieme ad altre 10 righe è stata poi da loro tolta ! )

Che dire poi del fatto che non è stato possibile parlare con nessuno dei tanti utenti di wikipedia autori delle cancellazioni continue delle mie modifiche ?

Quando inviavo una email agli utenti che mi cancellavano i testi, non ricevevo che moniti sull’attenersi alla policy del sito ma nessuna spiegazione o motivazione reale !

Ho cercato per questo un dialogo ma nessuno ha mai fatto seguito ai mei messaggi con una risposta degna di tale nome.

Invece, l’ultimo messaggio email ricevuto in ordine di tempo, mi intima :

“impara a discutere, non insultare, rispetta le policy e vedrai che tutto andrà bene”.

Devo dedurre quindi che se dico come stanno davvero le cose, se non sto zitto, tutto andrà male ?  E’ forse una minaccia ?

E detta cosi’ come potrei intenderla diversamente, visto che non ho insultato o  offeso nessuno ma che desideravo solo chiarire una situazione che altrimenti poteva essere fraintesa ?

In fatto di rispetto della tanto citata policy, cari utenti ed amministratori di wikipedia, ho invece molto da discutere !

Sono una persona educata. I miei testi, se non saranno alterati ( adesso mi devo aspettare anche questo? ) dicono molto di me.

Cosi’, di quali insulti state parlando ?

Ho solo scritto una email ad un amministratore di wikipedia che mi ha bannato senza motivo, che il suo comportamento era vergognoso e credetemi, non si tratta di un insulto bensì di una constatazione oggettiva :

  • rispetto non è cancellare i testi di una persona che con competenza propone una modifica citando cosa prevede o non prevede una legge.
  • rispetto non è bannare un utente che non può più scrivere nulla in una discussione pubblica e che per quello viene malamente ripreso e cacciato. Impedire la modifica di un lemma ( anche se in modo arbitrario ) è una cosa. Impedire di potersi difendere e replicare in una discussione pubblica è ingiusto e lo ripeto !  Ancora vige la liberta’ di parola se lo si fa con correttezza.
  • rispetto non è rimanere anonimi ma qualificarsi con nome e cognome quando si dialoga con una persona. Sono state cancellate  mie modiche e sono stato bannato da utenti wiki senza che sapessi il loro vero nome, ne’ ruolo.
  • rispetto è saper ascoltare gli altri senza credere di possedere la verità sulla terra. La wikiautority è umana e non divina.
  • rispetto è avere l’umiltà di documentarsi prima di agire con leggerezza e senza conoscenza. Infatti, vista la celerità con cui venivano cancellate le mie modifiche mi sono chiesto come potevano queste persone documentarsi in 1 minuto esatto. Questo punto è davvero importante per chiarire la loro premeditazione ! In un minuto hanno cancellato il mio testo e questo è avvenuto più volte anche con contenuti differenti ! Come è possibile procedere con questa velocità se non si ha già un pregiudizio su quell’argomento o su quella persona ?
  • Rispetto è dialogare e accettare il confronto e non intimidire gli utenti con frasi che lasciano intendere che solo se si fa “la volonta’ di chi comanda“ tutto andrà bene …!!!

Le mie integrazioni non sono state un insulto verso nessuno ! Il mio contributo, al contrario, è stato puntuale e preciso.

La cosiddetta norma uni 11 491 non rappresenta un riconoscimento istituzionale della professione del naturopata, prerogativa esclusiva del Legislatore, ma solo un’opinabile valorizzazione di terzi, circa i requisiti di conoscenza, abilità e competenza per esercitare un’attività ancora non regolamentata con una legge dello stato; in definitiva è solo un documento privato non vincolante, e non una norma di legge vincolante, come si evince sul sito dello stesso Ente UNI: “Secondo il Regolamento UE 1025 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2012 sulla normazione europea, per “norma” si intende: “una specifica tecnica, adottata da un organismo di normazione riconosciuto, per applicazione ripetuta o continua, alla quale non è obbligatorio conformarsi … “

Si ricordi che un “organismo di normazione riconosciuto” è un ente privato che non può legiferare perché  non è un organo legislativo!

Mi auguro che con questa ulteriore spiegazione, sia fatta chiarezza anche all’utente che ha cancellato il mio testo e che scrive : “dire che una legge non è vincolante è una contraddizione in termini”. Ebbene sì questa legge per la naturopatia rappresenta davvero una contraddizione in termini .

Per comprenderlo bastava leggere qui http://unaleggeperledisciplinebionaturali.it/notizie/norma-uni-11491-sulla-naturopatia-un-vero-riconoscimento-per-il-naturopata-oppure-uno-strumento-commerciale-e-di-profitto/ !

Per concludere ho quindi solo apportato un chiarimento per evitare che le persone pensino che per esercitare la professione di naturopata sia necessario seguire la norma UNI nata dalla legge 4/2013  .

Scrivere come in questo momento alla pagina https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Naturopatia  che la naturopatia in italia rientra nell’ambito della legge 4/2013 in merito alle professioni non organizzate e basta, significa dare valore a tale credenza !

Mi appello alla vostra onestà e buon senso e mi auguro vogliate rivedere le vostre posizioni, non tanto per il comportamento che avete avuto nei miei confronti ( so che non mi farete mai delle scuse, anche se sarebbero dovute ), ma per dovere di obiettività e correttezza verso coloro che ancora vi leggono con stima !

Stupitemi, approvando la mia modica e lo farò anche io.

Questa la mia proposta di modifica:

In Italia la naturopatia non fa parte del comparto sanitario, ma rientra nell’ambito della legge 4/2013 in merito alle professioni non ordinistiche, senza che vi sia ancora un riconoscimento istituzionale della professione del naturopata. Le disposizioni della legge numero 04/2013 non sono vincolanti e i criteri che sono stati definiti ai fini della certificazione, chiamate norme UNI, sono anch’essi non vincolanti per esercitare la professione.

A voi la scelta. Dire la verità oppure tacerla.

Luce al cammino,

Emanuel Celano

Questo testo è stato pubblicato oggi 11 aprile 2015 nella pagina delle discussioni : https://it.wikipedia.org/wiki/Discussione:Naturopatia 

Proposta di legge per il riconoscimento delle discipline bio-naturali e della figura del naturopata in Italia alla pagina web : http://www.unaleggeperledisciplinebionaturali.it/

La libertà di scelta e di comprensione è personale … ma è importante che si possa liberamente e consapevolmente scegliere …

———

Ha fatto seguito la richiesta da parte di un amministratore di Wikipedia:

” … se in nessuna parte della voce si parla di “norma UNI” , puoi, brevemente, spiegarci perchè occorre disquisirne? Puoi inoltre dirci o meglio citarci una fonte che attesti che le norme di una legge come la 4/2013 non sono vincolanti? grazie”

e questa è stata la mia risposta :

Grazie per la risposta finalmente collaborativa.

Non mi aspettavo, come già scritto, ammissioni per i torti subiti e per questo tralascio ulteriori polemiche e vengo nuovamente al dunque …

Non sono un avvocato ma cercherò di essere ancora più chiaro avvalendomi del materiale che ho trovato in rete.

Una legge è un atto giuridico vero e proprio che si basa su regole comportamentali, attraverso le quali il potere legislativo esercita la sua funzione.

Per norma invece, si intende una proposizione volta a stabilire un determinato comportamento che deve essere adottato da persone appartenenti ad un gruppo, per assicurarne la sopravvivenza e perseguire i fini che lo stesso gruppo ritiene più importanti.

La legge deve essere rispettata in modo obbligatorio, al contrario della norma, ed è imposta dallo Stato.

La legge è la fonte del diritto principale, che deve essere subordinata solo alla costituzione.

Nel lemma NATUROPATIA in oggetto avete scritto che in Italia la Naturopatia rientra nell’ambito della LEGGE (legge 4/2013) senza citare la NORMA (Norma UNI 11491) come è giusto affermare per far comprendere la differenza tra legge e norma !

Se scrivete che rientra nell’ambito della legge 4/2013 e basta date una informazione non solo giuridicamente errata ma anche fuorviante !

Fate credere, se parlate di legge, che debba essere rispettata in modo obbligatorio e non è così !

Al contrario, come potete leggere dal sito di UNI stesso http://www.uni.com/index.php?option=com_content&view=category&id=150&Itemid=546 , e lo ripeto ancora una volta, ad una norma non è obbligatorio conformarsi ! ( vedere paragrafo cos’è una norma )

Una norma tecnica non ha caratteristiche di obbligatorietà. Di solito tende ad autoaffermarsi per l’autorità dell’istituto di normazione che la emana e/o perché particolarmente richiesta/sentita dal mercato stesso.

In sostanza una Norma UNI è un documento tecnico che descrive degli standard per “fare bene qualcosa” ma in sè non ha alcun carattere di obbligatorietà.

Perchè diventi obbligatoria (cioè cogente) occorre una legge che specificamente indichi che tale norma sia di obbligatoria applicazione ed ovviamente che indichi i destinatari della norma ed il relativo campo di applicazione.

Spesso si equivoca sul termine “norma” per lasciar credere che una Norma UNI sia equivalente ad una legge ma non è così! Un documento tecnico dice solo “come fare bene le cose” ( a loro dire perché nel caso della naturopatia non lo è proprio, come ho già scritto nel mio articolo http://unaleggeperledisciplinebionaturali.it/notizie/norma-uni-11491-sulla-naturopatia-un-vero-riconoscimento-per-il-naturopata-oppure-uno-strumento-commerciale-e-di-profitto/  ) ma, per esempio, non può creare nuove qualifiche professionali per attività riservate (che richiedono iscrizioni ad ordini e/o albi professionali) e legislativamente previste ed elencate (in base a specializzazioni aventi valore legale per esempio).

Fatte queste premesse richiedo nuovamente e a ragione che sia accolta la mia modifica :

In Italia la naturopatia non fa parte del comparto sanitario, ma rientra nell’ambito della legge 4/2013 in merito alle professioni non ordinistiche, senza che vi sia ancora un riconoscimento istituzionale della professione del naturopata. Le disposizioni della legge numero 04/2013 non sono vincolanti e i criteri che sono stati definiti ai fini della certificazione, chiamate norme UNI, sono anch’essi non vincolanti per esercitare la professione.

Mi auguro di aver definitivamente chiarito quanto necessario, ed in questo modo citando ogni fonte, oltre ogni insindacabile dubbio.

Confido nella vostra obiettività e correttezza !

Luce al cammino,

Emanuel Celano

 

MATERIALE TRATTO DA QUESTE FONTI :

http://cultura.biografieonline.it/legge-norma-differenze/

http://www.undersea.it/2012/12/differenza-tra-norma-uni-e-legge.html

Posted in Archivio Notizia 2015 | Tagged , , , , | Leave a comment

Medicine non Convenzionali: al via la 5° edizione MedCam 2015

Medicine non Convenzionali: al via la 5° edizione MedCam 2015

inserito da biosharing in data 16-03-2015

MEDCAM 2015 Bardolino, Lago di Garda, 8 – 10 maggio 2015
3 giorni, 60 relatori, 40 sessioni CFA, sessioni pratico-dimostrative, presentazione di biotecnologie innovative nel campo della medicina, endorsement delle Istituzioni, per riunire in un’unica sede le tematiche afferenti alle MNC e alle Scienze Olistiche approcciate nella loro multidisciplinarietà al fine di integrarle con altre scienze quali la fisica moderna, la meccanica quantistica, le neuroscienze e la biologia con lo scopo ultimo di riscoprire il trait d’union che le lega, le integra e ne accomuna la visione olistica e che eleva il paziente semplice a sistema-uomo complesso.

“Fervono i preparativi per MEDCAM 2015, l’appuntamento annuale con il Congresso Internazionale delle Medicine non Convenzionali e Scienze Olistiche.
Giunto alla sua 5° edizione il Congresso, che si terrà a Bardolino presso l’hotel Caesius Termae e SPA****, nella splendida cornice del Lago di Garda, dall’ 8 al 10 Maggio, ha riscosso grande interesse nella Comunità Scientifica, Medica e degli Operatori Olistici (ben-essere). Il Congresso rappresenta un’opportunità unica di prendere parte ad un percorso di arricchimento, confronto, ascolto, scambio, crescita ed apertura.

Un’occasione per condividere e dare il proprio contributo alla costruzione ed allo sviluppo di un percorso terapeutico integrato, consapevole, sociale e sostenibile che abbia sempre al centro l’interesse e la cura della persona nella sua totalità.
Il Programma Scientifico impreziosito dalla presenza di Relatori di eccellenza, prevede oltre alle sessioni plenarie, anche la nutrita sessione Call for Abstract che permetterà ai partecipanti di esporre le proprie ricerche e metodiche per mezzo di poster e dissertazioni orali, nonchè la possibilità di prendere parte a sessioni pratico-dimostrative.

Il rigore scientifico fermamente voluto dall’Organizzazione e dal Responsabile Scientifico rende l’evento unico nel panorama nazionale.

Tra gli altri argomenti si segnalano alcuni temi di particolare interesse quali: Nutrizione in un’ottica preventiva e predittiva, Nutrigenomica, Omotossicologia, Omeopatia, Agopuntura, Idrocolon terapia, Arteterapia, Ayurveda, Osteopatia, Medicina Integrata e Oncologica, Biofotoni, Medicina Antroposofica ed Arte-terapia, Olismo ed Entanglement, Diagnosi energetica, Fondamenti scientifici di meccanica quantistica e fisica moderna applicati alla medicina, Medicina Ambientale Clinica. Tra le tematiche portanti di MEDCAM2015 saranno presenti approfondimenti sul ruolo dell’Acqua (con approfondimenti di Ricercatori del CNR e dell’ENEA) e della Nutrizione intese come fonti di guarigione e di vita.

MEDCAM2015 si pone come obiettivo principe quello di Educare alla Conoscenza, di Educare l’Educatore, attraverso il confronto, l’approfondimento, lo scambio su tematiche esperienziali.

L’Educatore, inteso come guida per la Salute della persona, è colui che opera nell’ambito delle Medicine non Convenzionali e delle Scienze Olistiche e che avrà, in questa occasione, l’opportunità di portare valore aggiunto nella propria comunità professionale e di divulgare conoscenza stimolando una maggior consapevolezza anche nel paziente che deve essere messo nelle condizioni di poter scegliere una efficace integrazione delle risorse di cura.

3 giorni, 60 relatori, 40 sessioni CFA, sessioni pratico-dimostrative, presentazione di biotecnologie innovative nel campo della medicina, endorsement delle Istituzioni, per riunire in un’unica sede le tematiche afferenti alle MNC e alle Scienze Olistiche approcciate nella loro multidisciplinarietà al fine di integrarle con altre scienze quali la fisica moderna, la meccanica quantistica, le neuroscienze e la biologia con lo scopo ultimo di riscoprire il trait d’union che le lega, le integra e ne accomuna la visione olistica e che eleva il paziente semplice a sistema-uomo complesso.
Patrocinato da Istituzioni di rilievo, vede anche la partecipazione in veste di sponsor ed espositori di importanti aziende nazionali ed internazionali del settore.

Segreteria Organizzativa
MEDCAM
Tel. +39 06 83086609 – +39 06 64522661 – Fax +39 06 83391913 – Cell + 39 327 8566369
mailto: congresso@biot.it congresso@medcam.it
web site: www.med-cam.it

http://www.infonotizie.com/articolo/9086:medicine_non_convenzionali_al_via_la_5_edizione_medcam_2015

Posted in Archivio Notizia 2015 | Leave a comment