IL PRIMO OSPEDALE DI MEDICINA INTEGRATA IN ITALIA

In Toscana è nato il primo ospedale di medicina alternativa. La Regione Toscana ha infatti stanziato nei mesi scorsi 100.000 euro per la realizzazione del primo ospedale di medicina integrata.

A questo scopo è stato scelto l’Ospedale Petruccioli di Pitigliano, in provincia di Grosseto, dove è possibile curarsi con agopuntura,fitoterapiaomeopatiamedicina tradizionale cinese accanto alla medicina classica. In questo modo, come ha dichiarato Fabio Roggiolani, Presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale “finisce una guerra tra la medicina classica e le medicine complementari, che ha causato vittime solo tra i pazienti”.

L’Ospedale sta quindi subendo una graduale trasformazione con l’inserimento di assistenti ospedalieri esperti nelle medicine complementari. I cittadini hanno la possibilità di scegliere, sia in corsia che nei servizi ambulatoriali, tra la medicina tradizionale e quella alternativa. Inoltre tutti potranno raccogliere le evidenze scientifiche di efficacia terapeutica delle medicine complementari e delle discipline bionaturali consultando i testi della biblioteca-Internet.

Questa alleanza terapeutica è frutto di tre anni di impegno. Un patto virtuoso tra politica, strutture sanitarie e società civile, al quale Pitigliano ha risposto perfettamente. Con l’inizio dell’anno uno staff di medici qualificati ha formato una equipe complessa in grado di assicurare una straordinaria offerta di salute ed efficaci soluzioni a tante patologie. Non si toglie nessuna cura, semmai si aggiungono possibilità terapeutiche.

 

Sin dall’inizio Roggiolani ha espresso la convinzione che la struttura sarebbe risultata attrattiva per pazienti di tutta Italia e che la nascita del nuovo ospedale di medicina integrata avrebbe portato anche una rete sul territorio, con l’utilizzo dei centri termali di Sorano e Saturnia e con l’avvio del primo Master di Medicina Integrataall’Università di Siena, che è iniziato lo scorso gennaio, per dare una formazione teorico-pratica a laureati in medicina, farmacia, veterinaria e odontoiatria.

E molti infatti sono stati i consensi per l’integrazione della medicina alternativa a quella tradizionale: la Toscana ha saputo unire Università e ospedale per ricondurre omeopatia, fitoterapia, agopuntura nel posto che devono occupare nella medicina.

Ospedali e cliniche universitarie che erogano prestazioni di medicina complementare a fianco della medicina classica sono presenti in tutto il mondo, in oriente e in occidente. Lo scopo di Pitigliano, peraltro, è proprio quello di avviare sperimentazioni utili a misurare l’efficacia di queste medicine in termini di miglioramento della qualità della vita e di miglioramento della salute dei cittadini, particolarmente di quelli affetti da malattie croniche, cosiddette proprio perché inguaribili con la sola medicina convenzionale. Agopuntura, omeopatia e fitoterapia sono state riconosciute medicine complementari sulla scorta delle definizioni date dalla stessa comunità scientifica.

Terapia a scelta. Nel centro l’omeopatia ed agopuntura vengono praticate insieme alla medicina tradizionale, sia in ambulatorio che per i pazienti ricoverati. Questi ultimi, in accordo con i medici ospedalieri che li hanno in carico, possono decidere se seguire solo la terapia tradizionale o integrarla con le medicine complementari, praticate sulla base di «un approccio interdisciplinare, diagnostico e terapeutico, finalizzato alla scelta terapeutica più appropriata ed efficace in termini di qualità della vita, benessere e salute», come sta scritto nel progetto costitutivo del centro.

Quali malattie. Ci si può rivolgere alla struttura di Pitigliano per il trattamento di malattie reumatiche croniche, per gli esiti di traumi e di ictus, per la riabilitazione ortopedica e neurologica, per la cura della psoriasi e per le dermatiti allergiche, per l’asma e l’insufficienza respiratoria, per le patologie gastrointestinali, per contenere gli effetti collaterali della chemioterapia e della radioterapia in oncologia e nella terapia del dolore cronico e nelle cure palliative. La visita specialistica può essere prenotata direttamente dal cittadino, anche senza richiesta medica, attraverso il sistema di prenotazione Cup (Centro Unico di Prenotazione).

La legislazione. Una legge regionale (la n. 9 del 2007) garantisce il principio della libertà di scelta terapeutica del paziente e la libertà di cura del medico, e tutela l’esercizio delle medicine complementari. In particolare, la legge riconosce omeopatia, agopuntura e fitoterapia come parte integrante del Servizio sanitario regionale. In base alla legge, gli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, dei veterinari e dei farmacisti istituiscono elenchi di professionisti che esercitano le medicine complementari e rilasciano una specifica certificazione sul possesso dei requisiti. La legge istituisce anche una commissione per la formazione nelle medicine complementari.
IL PRIMO OSPEDALE DI MEDICINA ALTERNATIVA di Monica Vadi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Basato su http://www.generazionebio.com/notizie/175-il-primo-ospedale-di-medicina-alternativa.html.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso mailto:info@generazionebio.com.

http://www.generazionebio.com/notizie/175-il-primo-ospedale-di-medicina-alternativa.html

Posted in Archivi, Archivio Notizia 2015 | Leave a comment

Reiki ufficialmente indicato come medicina complementare negli ospedali USA

Secondo le informazioni fornite dalla rivista digitale Tunuevainformacion il governo americano degli Stati Uniti riconosce ufficialmente Reiki come una medicina complementare alla medicina tradizionale.

Articolo originale :

http://es.blastingnews.com/salud-belleza/2015/06/el-reiki-catalogado-oficialmente-como-medicina-complementaria-en-hospitales-de-eeuu-00441301.html

Articolo tradotto con Google :

https://translate.google.it/translate?sl=auto&tl=it&js=y&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&u=http%3A%2F%2Fes.blastingnews.com%2Fsalud-belleza%2F2015%2F06%2Fel-reiki-catalogado-oficialmente-como-medicina-complementaria-en-hospitales-de-eeuu-00441301.html&edit-text=
Algunas de los ejemplos que constatan que realmente esta actividad está incluida en la medicina de Estados Unidos, son por ejemplo, en la escuela de Medicina de la Universidad de Michigan , universidad donde se imparten clases de esta materia tanto a enfermeras como a todo el personal médico. Alcuni degli esempi trovo che in realtà questa attività è inclusa nella medicina degli Stati Uniti sono, ad esempio, alla scuola di Medicina dell’Università del Michigan, scuola dove le lezioni sono tenute questo argomento sia gli infermieri e tutto il personale medico.

En muchos de los hospitales estadounidenses ya se está comenzando a impartir clases de Reiki a los propios residentes como asignatura importante de su formación. In molti ospedali degli Stati Uniti e sta cominciando ad insegnare Reiki ai residenti stessi come un importante soggetto della loro formazione.

Otro ejemplo remarcable respecto a este tema puede ser el de el Hartford Hospital en Connecticut, hospital pionero en cirugía r obótica y que a sus pacientes les dan terapias de Reiki motivados porque tras hacer varios experimentos con pacientes han confirmado que reduce tanto la ansiedad, como la tensión muscular y por otro lado acelera la cicatrización y les proporciona sensación de bienestar. Un altro notevole esempio di questo problema può essere all’ospedale di Hartford nel Connecticut, un pioniere in ospedale chirurgia r obótica ei suoi pazienti danno terapie Reiki motivati ​​perché dopo aver fatto diversi esperimenti hanno confermato che i pazienti riduce sia l’ansia, come la tensione muscolare e in secondo luogo accelera la guarigione e offre sensazione di benessere.

Para terminar el centro Nacional de Medicina complementaria de Estados Unidos afirma que el Reiki tiene una serie de características que facilita la utilización en sus tratamientos. Infine, il Centro Nazionale per la medicina complementare negli Stati Uniti afferma che il Reiki ha una serie di caratteristiche che facilitano l’uso nei loro trattamenti. Como puede ser; Come può essere;

Que no tiene ningún carácter religioso lo que ayuda a ser impartido a un mayor número de personas por no inmiscuirse en las creencias de las mismas. Chi non ha carattere religioso che aiuta a dare a un maggior numero di persone, nessuna interferenza delle stesse convinzioni.

No es necesario ningún tipo de instrumento para ser practicada por lo cual se puede impartir en cualquier lugar. Nessun tipo di strumento a essere praticato da che può fornire ovunque necessario.

También, otra característica importante es que al no ser un fármaco y ser algo natural no posee contraindicaciones por lo que no es posible que perjudique a ningún paciente Inoltre, un’altra caratteristica importante è che non essendo un farmaco e venire naturalmente non ha controindicazioni e non è possibile per qualsiasi danno paziente

Como conclusión, a todos estos hechos está claro que la medicina tradicional y sus avances médicos a nivel científicos unidos a este tipo de técnicas ascentrales, lo único que puede ser es positivas para la curación de las enfermedades y para llevarlas con mayor tranquilidad y menos estado de estrés lo que siempre hará que los resultados sean mayormente favorables pues al sentirse más tranquilo el paciente también será más receptivo a los tratamientos. In conclusione, tutti questi fatti è evidente che la medicina tradizionale e progressi in campo medico a livello scientifico associato a questo tipo di ascentrales tecniche, tutto quello che posso essere è positivo per la cura di malattie e per portare più pace e meno Stato Lo stress sarà sempre fare ciò che i risultati sono per lo più favorevoli per sentirsi più tranquillo perché il paziente sarà anche più ricettiva ai trattamenti.

Posted in Archivi, Archivio Notizia 2014 | Leave a comment